Home / News / Eventi / Eventi / Biblioteca Baldini / Angelo Trezza legge l’Iliade

Angelo Trezza legge l’Iliade

***   ***   ***

Dopo le letture delle tre cantiche della Divina Commedia, l’infaticabile Angelo Trezza continua a farci riscoprire i grandi poemi classici.

Nove appuntamenti domenicali, tutti alla Celletta Zampeschi, nel cuore del centro storico di Santarcangelo, ad ingresso libero, con inizio alle ore 17,15.

Questo il programma complessivo degli appuntamenti:

Angelo Trezza legge  lIliade

da Omero

drammaturgia Angelo Trezza

Celletta Zampeschi – Santarcangelo – ore 17,15

PROGRAMMA

    ɯ domenica 13 gennaio 2019

      introduzione all’opera – Canto I

    ɤ domenica 20 gennaio 2019

      Canti II – III – IV

    ɔ domenica 27 gennaio 2019

    Canti V – VI – VII

    ȿ domenica 3 febbraio 2019

     Canti VIII – IX – X

    ɚ domenica 10 febbraio 2019

    Canti XI – XII – XIII

    ɛ domenica 17 febbraio 2019

    Canti XIV – XV – XVI

     ɟ domenica 24 febbraio 2019

    Canti XVII – XVIII – XIX

    ɾ domenica 3 marzo 2019

    Canti XX – XXI – XXII

    ȶ domenica 10 marzo 2019

    Canti XXIII – XXIV

 

Evento in collaborazione con Pro Loco Santarcangelo, Biblioteca comunale A. Baldini, Società Operaia di Mutuo Soccorso di Santarcangelo.

Angelo Trezza (avvocato, attore e docente a contatto presso  contratto presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Urbino) vive e lavora come avvocato a Santarcangelo di Romagna. Accanto alla sua attività professionale, ha coltivato e nutrito molte passioni.

Laureato in Sociologia e in Lettere, ha specialmente orientato i suoi interessi verso il teatro: come attore e come dramaturg. Qui ha potuto esprimere con originalità l’alto magistero di Giorgio Albertazzi e dar voce a collaborazioni con attori di fama come Giuseppe Pambieri e Riccardo Cucciolla.

Ha tenuto corsi di formazione professionale per addetti teatrali sulla Commedia dell’arte e la Storia del teatro. Nel tempo, con continuità, in varî luoghi istituzionali, ha messo in scena rigorose ed apprezzate Letture dantesche. Dal gennaio al marzo 2016 ha letto integralmente, in 11 domeniche a Santarcangelo, l’Inferno; poi nel 2017 l’intero Purgatorio per finire, nel  2018, con la lettura integrale del Paradiso.

Ha tenuto corsi di Lingua italiana e laboratori di Oralità e scrittura presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Urbino.

 

***   ***   ***

 

È autore di varie pubblicazioni, soprattutto riguardanti il teatro e la poesia. In particolare si segnalano:

Dire e fare poesia : inventer un verbe poetique accessible / Tiziana Mattioli, Angelo Trezza. – Rimini : Raffaelli, c2007

Dario Fo : una drammaturgia a parte / Angelo Trezza. – (Raffaelli, c2007)

(*Prima della) poesia / Angelo Trezza ; con una nota per il lettore di Tiziana Mattioli. (Raffaelli, c2007)

Storia del teatro. Un racconto/ Angelo Trezza, riduzione, presentazione e cura di  Tiziana Mattioli (Raffaelli, 2010)

***   ***   ***

Da alcuni anni Angelo Trezza propone in anteprima (“Prima della prima”: una specie di ultima “prova aperta”) alla biblioteca A. Baldini di Santarcangelo, ed ai suoi utenti, le sue “letture sceniche” tratte da classici della letteratura mondiale.

2009: riduzione ed elaborazione drammaturgica  di “L’uomo e il mare” (da “Il vecchio e il mare” di Hemingway); 2010: Moby Dick (ovvero la Balena)” (da Herman Melville),  2011: “Memorie del sottosuolo” (da Fedor Mihajlovic Dostojevskij), 2012: “Paradosso sull’attore” (da Denis Diderot); 2013:  “La sonata a Kreutzer” (da Lev Tolstoj);  2014: “Lettera al padre” (da Franz Kafka); 2015: Il Dottor Jekyll  e Mr. Hyde (da Robert Louis Stevenson); 2016: Memorie di Adriano – omaggio a Giorgio Albertazzi  (da Marguerite Yourcenar);  2017: Le novelle di Pirandello;  2018: Le ultime lettere di Jacopo Ortis, di Ugo Foscolo.

 

Da vari anni inoltre “racconta” la storia del teatro (incontri promossi dall’ass. Noi della Rocca di Santarcangelo), e si è soffermato in particolare sui capolavori di William Shakespeare (Amleto, Macbeth, Otello, La tempesta)

 

Queste elaborazioni drammaturgiche, queste “letture e racconti”, sono state successivamente stampate e pubblicate in specifici eleganti opuscoli, editi dall’editore Raffaelli di Rimini.