Home / News / Eventi / Eventi / Biblioteca Baldini / I centocinquant’anni della Società Operaia di Santarcangelo

I centocinquant’anni della Società Operaia di Santarcangelo

***   ***   ***

La biblioteca Baldini ospita
la conferenza promossa dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso di Santarcangelo

giovedì 28 febbraio, ore 21

Stanza Antonio Baldini

Luoghi del lavoro dalle campagne alla città

Intervengono

Massimo Bottini

(presidente Soms),

Renato Covino

(Università di Perugia, past president AIPAI),

Manuel Ramello

(Politecnico di Torino, vicepresidente AIPAI)

Dopo la conferenza del 31 gennaio, la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Santarcangelo di Romagna, per celebrare 150° anniversario della sua nascita, promuove questo nuovo appuntamento quale ulteriore approfondimento legato ai temi del lavoro, dei suoi aspetti economico-sociali, della sua evoluzione. In occasione di questo suo importante anniversario la Società Operaia infatti si è proposta così di analizzare l’evoluzione dell’economia, della qualità e quantità di lavoro, delle condizioni di vita e di status dei lavoratori della Valmarecchia e del loro ambiente in questo secolo e mezzo.

 

***   ***   ***

giovedì 31 gennaio, ore 21

Stanza Antonio Baldini

Evoluzione e involuzione del lavoro dalle Soms ai Sindacati

Intervengono
Massimo Bottini (presidente Soms)
Mauro Mancini (consulente del lavoro Confcooperative Rimini)
Don Andrea Turchini (parroco di Santarcangelo di Romagna)
Piero Ragazzini (segretario nazionale Cisl)

 

 

La conferenza rientra nel programma Santarcangiolesi e Graditi Ospiti – concerto e incontri pubblici, insieme di incontri ed eventi che la SOMS (Società Operaia di Mutuo Soccorso), in collaborazione con il Comune di Santarcangelo,  organizza nel corso del 2019 per ricordare e festeggiare i suoi 150 anni di attività.

 ***   ***   ***

Dopo il concerto di Natale del 22 dicembre  2018, le iniziative per il 150° anniversario della Società operaia di mutuo soccorso di Santarcangelo di Romagna proseguiranno il 31 gennaio p.v. alle ore 21, nella storica Celletta Zampeschi, con l’incontro dedicato ai processi evolutivi e involutivi che il lavoro ha subito in questo secolo e mezzo. Dopo il saluto del Presidente SOMS Massimo Bottini e l’introduzione ai lavori di Giorgio Poletti si ascolteranno interventi di Primo Gatta (CGIL, Rimini), Mauro Mancini (Confcooperative), il parroco don Andrea Turchini e Piero Ragazzini (segretario nazionale CISL). La  memoria del lavoro che fu, della sua durezza ma anche della connessa carica di speranza, il ricordo  del lavoro non solo come strumento di sopravvivenza ma anche come ragione di dignità e di autoaffermazione del soggetto, la rievocazione delle prime forme di solidarietà e di  organizzazione dei lavoratori costituiranno riferimento per  tutta la serie di questi incontri di studio.

E’ questa del resto la stessa ragion d’essere della SOMS. Fondata intorno alla metà del diciannovesimo secolo da un gruppo di lavoratori con finalità di aiuto nelle difficoltà economiche e di salute nonché nelle allora modestissime  possibilità di svago, ha mantenuto nel tempo le sue ragioni storiche estendendole anche al campo della cultura materiale e immateriale, sempre nella massima sensibilità al ben-essere di chi lavora.
In occasione dell’anniversario la Società si è proposta di analizzare l’evoluzione dell’economia, della qualità e quantità di lavoro, delle condizioni di vita e di status dei lavoratori della Valmarecchia e del loro ambiente in questo secolo e mezzo.