Home / News / Eventi / Eventi / Biblioteca Baldini / L’infanzia del mondo. Opere 1946-2012 di Tonino Guerra

L’infanzia del mondo. Opere 1946-2012 di Tonino Guerra

***    ***   ***

Alla Baldini…ascoltare, conoscere, curiosare

***   ***   ***

Sabato 13  aprile, ore 17

biblioteca Baldini

Presentazione del volume

di Tonino Guerra

L’infanzia del mondo. Opere 1946-2012

(a cura di Luca Cesari, cronologia a cura di Rita Giannini – Bompiani, 2018)

 

Assieme ai curatori interverranno

Antonio Prete (scrittore e critico letterario, docente universitario)

Nicola Crocetti (editore, direttore del settimanale “POESIA”)

Angela Urbano (vicedirettrice settimanale “POESIA”)

 

Tonino Guerra (1920-2012) è stato poeta, scrittore e sceneggiatore. “L’infanzia del mondo” ne svela le molteplici anime: dalle fiabe al teatro, dai racconti di viaggio ai romanzi fino alle raccolte poetiche che, insieme all’attività di sceneggiatore, lo hanno reso celebre. Una lingua che è anche musica, intrisa della forza del dialetto romagnolo, una raccolta preziosa che riporta in primo piano un autore che ha attraversato con le sue opere tutto il Novecento.

 

Tonino Guerra

Nei primi anni ’50 si trasferisce a Roma dove prende avvio la sua folgorante carriera di sceneggiatore. Resta nella capitale fino al 1984 quando fa ritorno in Romagna. Dopo un breve periodo trascorso nella sua città natale sceglie come dimora Pennabilli, nel Montefeltro.
Inizia a comporre versi in lingua romagnola durante la prigionia nel campo di concentramento di Troisdorf in Germania, parte di quelle poesie in lingua romagnola vengono raccolte nel primo libro I scarabocc del 1946, a firma Antonio Guerra con la prefazione di Carlo Bo. Segue la raccolta I bu, con introduzione di Gianfranco Contini.
Nella collana “I Gettoni” di Einaudi curata da Elio Vittorini, pubblica nel ’52 il racconto La storia di Fortunato.
Le sue prime sceneggiature nascono per i film Un ettaro di cielo, di Aglauco Casadio che uscirà nel 1957 e Uomini e lupi, di Giuseppe De Santis, che uscirà nel 1956.
Da quel momento si dedica con continuità all’attività di sceneggiatore e lavora con i più grandi registi del nostro tempo, tra questi Elio Petri, Franco Indovina, Vittorio De Sica, Damiano Damiani, Mauro Bolognini, Mario Monicelli, Franco Giraldi, Alberto Lattuada, Paolo e Vittorio Taviani, Marco Bellocchio, Francesco Rosi, Federico Fellini, Theo Anghelopulos, Andrej Tarkovskij, Michelangelo Antonioni.
Con quest’ultimo firma nel ’59 L‘avventura e inizia un sodalizio artistico che continua ancora oggi. Ultimo lavoro insieme l’episodio Il filo pericoloso delle cose del film Eros presentato al Festival di Venezia nel 2004.
Nel 1973 esce Amarcord, vincitore del Premio Oscar, prima sceneggiatura scritta per Federico Fellini, con cui realizzerà anche E la nave va nell’83, Ginger e Fred nell’85. Ma con Fellini lavora anche alla preparazione delle sceneggiature di Prova d’orchestra e Casanova.
Le sue sceneggiature incontrano anche la televisione, che lo vede collaborare al teatro televisivo e ad alcuni sceneggiati.
Intanto continua la sua attività poetica e letteraria che abbraccia anche il teatro: la sua produzione è vastissima, punteggiata dal conferimento di significativi premi, tra cui il Premio Pirandello.
La raccolta I bu (Rizzoli, 1972), curata da Gianfranco Contini, rappresenta la svolta per la poesia dialettale che assume grazie agli stilemi da lui introdotti grande dignità e la nuova dialettalità assurge a lingua della poesia senza più distinzioni né categorizzazioni. Si apre con lui la nuova stagione dei neodialettali, che si congeda da ogni forma di municipalismo. Pubblica con Bompiani, con Rizzoli e dà avvio con Il miele, nel 1981, alla stagione dei poemi pubblicati dalla Maggioli Editore di Santarcangelo, che ristampa anche le sue precedenti raccolte e i racconti.
Artista a tutto tondo, si dedica alla pittura, alla scultura e all’ideazione artistica realizzando allestimenti, installazioni, mostre, parchi, fontane, in cui trasferisce la sua sconfinata creatività e genialità.
Tonino Guerra muore a Santarcangelo di Romagna pochi giorni dopo aver compiuto novantadue anni.